Comunita Europea Ministero per lo Sviluppo Economico Regione Puglia
Comunicazioni
Pubblicato il 10/11/2020
RENDICONTAZIONE SPESE
Tutte le fatture devono riportare il CUP o indicazione equipollente:
"Fattura riferita a spese che usufruiscono di contributi pubblici ai sensi del PSR PUGLIA 2014-2020 - quindi indicare la misura di riferimento (Mis. 4.1.A oppure, Mis. 6.4) oppure PACCHETTO GIOVANI".
In particolare tale indicazione andrà apposta sulle fatture prive di CUP emesse entro il 31/12/2018 ed ante concessione. Tali fatture dovranno essere accompagnate da una dichiarazione sostitutiva di atto notorio (Art. 47 D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445) in cui si attesti che la/e fattura/e n.__ del ___sono riferite/a a spese che usufruiscono di contributi pubblici ai sensi del PSR PUGLIA 2014-2020 - quindi indicare la misura di riferimento (ad es. Mis. 4.1.A, 4.1.c, 6.4, PACCHETTO GIOVANI) e che non è utilizzata al fine di ottenere altre agevolazioni.
Si precisa che le fatture saranno annullate dal funzionario istruttore in sede di rendicontazione.
Nel caso di fatture elettroniche, emesse dopo il 01/01/2019 si è in attesa di definizione di apposita procedura d’intesa con l’Agenzia delle Entrate.
Nel caso di fatture elettroniche emesse nell’anno 2020, post concessione e prive di CUP, queste dovranno essere ri-emesse con l’indicazione del CUP previa emissione di nota di credito.
Infine ai sensi di quanto previsto nell’Addendum alle Linee guida sull’ammissibilità delle spese relative allo sviluppo rurale 2014-2020, di cui alla Conferenza Stato Regioni del 05/11/2020, si ribadisce che tutte le fatture emesse a partire del 1 gennaio 2021 se prive di CUP o di indicazione equipollente non saranno più considerate ammissibili, salvo le eccezioni previste.

Pubblicato il 22/09/2020
Variante misura 4.1.A
Da oggi è possibile caricare sull'EIP, le istanze di variante per la misura 4.1.A. In allegato il manuale utente.

Pubblicato il 17/09/2020
Riapertura termini Bando giovani
Con DAdG n. 001/DIR/2020/00362 del 15/09/2020 è stata disposta la riapertura dei termini per porre in essere tutti gli adempimenti connessi al primo insediamento in agricoltura (iscrizione nel registro delle imprese agricole presso la C.C.I.A.A., attivazione di partita IVA, acquisizione della titolarità dell’azienda oggetto di insediamento, aggiornamento/validazione del fascicolo aziendale, ecc.) e per presentare la prevista documentazione, così come stabilito al paragrafo 17 dell’Avviso aggiornato con DAdG n. 127 del 29/06/2017 e pubblicata nel BURP n. 79 del 06/07/2017.

Poiché la sospensione riguarda il solo periodo intercorrente dall’adozione della DAdG 247 del 29/06/2020, fino alla data odierna di invio delle pec, per chi non avesse già provveduto, il termine ultimo per gli adempimenti connessi al primo insediamento e la presentazione della prevista documentazione, è così stabilito:
  • giorno 14/10/2020, per chi ha ricevuto la pec di invito all’insediamento in data 19/02/2020;
  • giorno 16/10/2020, per chi ha ricevuto la pec di invito all’insediamento in data 25 e 27/02/2020.

Si invitano tutti i giovani ad attivare le pec, così come previsto dall'Avviso, non saranno inviate comunicazioni a mezzo raccomandata.

Pubblicato il 30/04/2020
Avviso
Visto il comma 1 dell'articolo 103 del Decreto Legge n. 18 del 17/03/2020 e l'articolo 37 del Decreto Legge n. 23 del 08/04/2020 che hanno differito il termine nei procedimenti amministrativi al 15/05/2020, con riferimento ai termini per ottemperare agli adempimenti di "primo insediamento", il criterio da seguire per il computo dei termini , in questo periodo, deve essere inteso in tal senso:
a) Se la decorrenza dei termini cui ottemperare è stata avviata prima del 23 febbraio, occorrerà calcolare i giorni dalla data di inizio del computo fino al 23 febbraio u.s., sospendere il conteggio e riprenderlo, per la parte residua, a decorrere dal 16 maggio p.v.;
b) Se la decorrenza dei termini cui ottemperare è stata avviata in un periodo compreso tra il 23 febbraio ed il 15 maggio, il computo dei termini temporali per ottemperare comincerà a decorrere dal 16 maggio.
Pertanto, per le pec inviate il 19/02/2020 il termine ultimo (75 gg.) è il 27/07/2020, per le pec inviate il 25/02 ed il 28/02, il termine ultimo è il 29/07/2020.

Pubblicato il 21/02/2020
PACCHETTO GIOVANI
Allo scopo di poter inviare le comunicazioni di "INVITO ALL'INSEDIAMENTO" o "NON AMMISSIBILITA'", si invitano tutti i giovani in posizione utile in graduatoria approvata con DAdG 224/2019 ad attivare le pec. Così come previsto dall'Avviso, non saranno inviate comunicazioni a mezzo raccomandata.

Pubblicato il 12/02/2020
PACCHETTO GIOVANI - COMUNICAZIONE DI AVVENUTO INSEDIAMENTO
I giovani che sono stati invitati a mezzo pec ad insediarsi in agricoltura devono scaricare, compilare ed effettuare l'upload dei file qui sotto allegati nella sezione "Consultazione Bandi Chiusi", alla voce di menu "Documenti/Invio Documenti per Ammissibilità/Sostenibilità".

Pubblicato il 15/04/2019
Helpdesk EIP
Per agevolare l'utilizzo del software è stato attivato un servizio di Helpdesk fruibile attraverso il seguente indirizzo di posta elettronica helpdeskeip@innova.puglia.it. In relazione al problema segnalato sarà valutata la priorità di risoluzione. E' inoltre attivo il servizio di helpdesk telefonico al numero di rete fissa: 080 8406392. Il servizio di assistenza telefonica è assicurato dalle ore 8,30 alle ore 13,30 e dalle 14,30 alle 17,30 dal lunedì al venerdì.

Pubblicato il 22/05/2017
Regole Policy Password
Al fine di garantire i livelli minimi di sicurezza occorre rispettare i requisiti per la composizione, la validità e l'operatività delle password degli utenti come definiti nella sezione "Policy Password"

Pubblicato il 05/06/2017
Revoca Deleghe (Tecnici)
Le deleghe possono essere CANCELLATE dai Tecnici che le hanno inserite se lo "Stato PEC Delega" è di Tipo "INVIATA" (deleghe non confermate dall'Azienda delegante).
La cancellazione può essere effettuata attraverso la modifica della delega cliccando dapprima la ragione sociale dell'azienda e successivamente il pulsante "Cancella Delega".

Le deleghe possono essere REVOCATE dai Tecnici che le hanno inserite se lo "Stato PEC Delega" è di tipo "ACCETTATA" (deleghe confermate dall'Azienda delegante).
La revoca può essere effettuata attraverso la funzionalità "Revoca Delega Accettata" cliccando sull'immagine Revoca Delega Accettata

Pubblicato il 15/06/2017
Revoca Deleghe (Aziende deleganti)
Le deleghe possono essere ANNULLATE dalle Aziende deleganti attraverso il link "Rigetto Delega" presente nella PEC ricevuta a seguito dell'inserimento della delega.
L'annullamento non può essere effettuato se la stessa Azienda ha precedentemente "Confermato la delega".

Le deleghe possono essere REVOCATE dalle Aziende deleganti attraverso la Funzione di "Revoca Delega" presente nel Portale EIP ed è consentita solo per le deleghe precedentemente confermate dall'Azienda delegante.
Le fasi che caratterizzano la Revoca della delega sono:
- inserire il CUAA, la PEC e il Bando della delega da revocare
- il sistema invierà il Codice di Autorizzazione per la Revoca della delega alla PEC dell'Azienda
- inserire il Codice, ricevuto attraverso la PEC, per completare l'operazione di Revoca.

Pubblicato il 18/01/2017
Guida per Java